La Corte di Giustizia sull’applicabilità dell’IVA nelle esportazioni extra UE

Mis à jour : 14 févr. 2020

Con la Sentenza 28 marzo 2019, nella Causa C-275/18, la Terza Sezione della Corte UE è tornata sull’applicabilità dell’IVA nelle esportazioni extra UE. La Corte ha ribadito che le Amministrazioni fiscali nazionali debbono privilegiare sempre l’aspetto sostanziale rispetto a quello meramente formale, avendo cura di accertare che la ratio della Direttiva IVA 2006/112 (che prevede il regime di esonero esclusivamente per i beni effettivamente ceduti in un Paese extra-UE) sia stata in concreto rispettata. La Direttiva IVA specifica che costituisce “cessione di beni” il trasferimento del potere di disporre di un bene materiale come proprietario. In materia di esportazioni, poi, l’art. 146 della medesima Direttiva prevede che gli Stati membri esonerano dall’IVA le cessioni di beni spediti o trasportati dal venditore (o per suo conto) fuori della Comunità. Detti Stati membri possono determinare, nel rispetto della parità di trattamento delle operazioni interne e delle operazioni intra-UE effettuate da soggetti passivi ivi residenti o stabiliti, quegli obblighi che ritengono necessari per assicurare l’esatta riscossione dell’IVA, purché tali obblighi non diano luogo, negli scambi tra Paesi membri, a formalità connesse con il passaggio di una frontiera. Di regola, le esenzioni si applicano (salvo le altre disposizioni comunitarie) sulla base delle particolari condizioni stabilite dagli Stati membri al fine di prevenire ogni possibile evasione, elusione o abuso. La Corte di Giustizia UE detta, quindi, il seguente principio: “L’articolo 146, paragrafo 1, lettera a), della Direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune dell’Imposta sul Valore Aggiunto, letto in combinato disposto con l’articolo 131 della stessa, deve essere interpretato nel senso che osta a che una disposizione legislativa nazionale subordini l’esonero dall’IVA prevista per beni destinati a essere esportati fuori dell’Unione Europea alla condizione che tali beni siano stati vincolati al regime doganale dell’esportazione, in una situazione nella quale è dimostrato che le condizioni sostanziali dell’esenzione, tra cui in particolare quella che richiede l’uscita effettiva dal territorio dell’Unione dei beni interessati, siano state soddisfatte”.


Posts similaires

Voir tout
Quando
Jun 22, 9:00 AM
Dove
Fieramilanocity,
Viale Lodovico Scarampo, 20149 Milano MI, Italia

Per la tutela

del tuo risparmio

Dalla rete

Le ultime notizie

  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon